Umanizzazione delle cure in Riabilitazione

Umanizzazione delle cure in Riabilitazione

L’Osservatorio Medicina Narrativa Italia ha portato il proprio contributo  alla tematizzazione della medicina narrativa come base dell’umanizzazione nell’ambito del  recente Corso di formazione organizzato da SIMFER ad Assisi lo scorso 22 settembre dal titolo “Dall’ascolto al progetto riabilitativo: umanizzazione ed efficacia in Riabilitazione”.

 

 

Alle premesse epistemologiche sul contributo del paradigma  narrativo    presentate  da Paolo Trenta, e alle riflessioni  sul ruolo e il valore aggiunto della medicina narrativa  per l’ascolto nella costruzione della cura  proposte da Pierluigi Brustenghi e Stefania Polvani,  è seguita una parte pratica finalizzata a fornire spunti operativi con  la presentazione di casi clinici e storie di malattia con modalità interattiva e partecipata. Nella sessione dedicata al rapporto tra umanizzazione della medicina e metodologia scientifica Mauro Zampolini ha trattato il significato della medicina di precisione in riabilitazione focalizzando il concetto sulla personalizzazione del progetto riabilitativo. Cristina Cenci ha portato  l’attenzione sul ruolo delle risorse tecnologiche in ambito della comunicazione web e social  a supporto delle narrazioni per la cura.

Nella tavola rotonda conclusiva è emersa dell’importanza del coinvolgimento delle associazioni dei  pazienti come valore aggiunto nella programmazione e gestione delle cure .  E’ stata enfatizzata l’esigenza del tempo necessario per un ascolto di qualità –  tempo sempre più contratto nelle maglie della prospettiva economicista e prestazionale – per una presa in carico che sviluppi progetti di cura basate sul vissuto e sulle  le aspirazioni e prospettive delle persone malate.

Francesca Rodolfi